Una idea della dottoressa Teri Dankovich: il libro che promette di filtrare l’acqua attraverso le proprie pagine. L’invenzione consiste in un volume capace di purificare l’acqua dai batteri, filtrandola attraverso le proprie pagine.

Testata in laboratorio dagli esperti su campioni di 25 siti contaminati tra il Sud Africa, il Ghana ed il Bangladesh ha svolto ottimamente il proprio compito. I risultati ottenuti fanno ben sperare gli studiosi. L’obiettivo della dottoressa è di vedere nel prossimo futuro il suo prodotto lanciato su ampia scala a livello commerciale.

Le pagine del “LIBRO DA BERE”,  contengono delle piccolissime particelle d’argento o di rame, trattate in modo da poter essere utilizzare come un vero e proprio filtro e capaci di depurare anche i liquidi più inquinati eliminando il 99% dei batteri presenti nell’acqua. Su ogni pagina sono impresse le istruzioni per l’uso. Si strappa una pagina e si inserisce in un contenitore dopo di che si può versare l’acqua inquinata.

In questo modo, tutti i batteri presenti saranno assorbiti dagli ioni di rame e d’argento e verranno rimossi in modo efficace dall’acqua. Il libro sarà utilizzato nei paesi in via di sviluppo, dove l’acqua contaminata comporta gravi rischi per la salute. Un intero volume è in grado di filtrare la quantità d’acqua di cui una persona ha bisogno per circa 4 anni.

Info su www.waterislife.com.